News

20 mesi e 13.000 chilometri in bici attraverso il Sud America. Bios Line supporta l’impresa della “HAPPY FAMILY” che attraverserà tutto il Sud America in bicicletta.

2 min

20 mesi e 13 mila chilometri in sella ad una bici: parte oggi il progetto di vita sostenibile ed equosolidale BIOcycling 2016. Un’incredibile avventura all’insegna della sostenibilità, un viaggio che sarà scuola di vita: BIOcycling 2016 vedrà una giovane famiglia di Treviso pedalare attraverso tutta l’America Latina per conoscere gli stili di vita delle comunità rurali legate all’agricoltura biologica ed equo-solidale.

Della “HAPPY FAMILY” fanno parte papà Sebastien, 33 anni, impiegato di NaturaSì, mamma Alberta, 28 anni, laureata in cooperazione allo sviluppo e le loro due figlie, Angela di 8 e Anna di 6 anni.

Il loro viaggio inizia oggi e si concluderà ad agosto 2017; poco meno di 2 anni per risalire il Sud America in bicicletta attraverso 6 stati: Argentina, Cile, Bolivia, Perù ed Ecuador, pedalando fino a Cartagena in Colombia. Visiteranno aziende agricole produttrici di alimenti biologici ed equo-solidali, dove, in cambio di lavoro troveranno letti e cibo. “Ciò che vogliamo conoscere sono gli stili di vita delle comunità rurali legate all’agricoltura biologica, gli usi e i costumi delle popolazioni che incontreremo e condividerle con le nostre figlie e con chi ci seguirà” racconta il papà Sebastien Bellet Grava.

Un’impresa davvero interessante e temeraria che si sviluppa attorno ai valori della sostenibilità, del rispetto ambientale, dell’agricoltura biologica e della condivisione culturale; tutti valori che stanno a cuore a Bios Line che ha così deciso di supportare la giovane famiglia diventando uno dei partner dell’iniziativa e offrendo una fornitura di integratori alimentari e cosmetici naturali adatti ad affrontare le diverse esigenze che il lungo viaggio presenterà.

La tabella di marcia prevede 25 chilometri al giorno, per una “scoperta dolce”, fatta seguendo il ritmo del proprio corpo: la “HAPPY FAMILY” userà infatti 2 tandem speciali che danno la possibilità di contribuire o meno alla pedalata secondo le possibilità di ciascuno. Le bambine pedaleranno in posizione reclinata per non sollecitare la schiena e potersi riposare qualora ne avessero bisogno.
“Vivremo in parte in abitazioni private grazie all’ospitalità condivisa e per il resto del tempo dormiremo in tenda. Crediamo da sempre che il campeggio sia molto educativo, perché insegna a dosare le risorse nel rispetto della natura”, spiega la mamma Alberta. “L’educazione delle bambine sarà nostra responsabilità. Angela e Anna, comunque, grazie all’opportunità data dalla scuola parentale, saranno in contatto con la loro scuola tramite collegamenti periodici via Skype. Saranno loro stesse a raccontare l’esperienza ai compagni”. Uno scambio culturale che si fa ricchezza per un’intera comunità, condivisione concreta per i bambini e le loro famiglie.

Oggi quindi il volo da Venezia alla Terra del Fuego e poi… si pedala! Seguite sulla nostra pagina Facebook le avventure della HAPPY FAMILY.

condividi
Vuoi chiedere un consiglio al nostro esperto?